Home

 Partecipando ai primi combat ho ricevuto numerosi consigli da parte di gente più esperta. Uno che vale in qualsiasi campo e che mi sento di dare a chiunque si avvicini al softair è quello della “regola dello svantaggio” o “dell’onestà”. Ma andiamo con ordine.
Solitamente le modalità di combattimento cambiano di volta in volta: cattura la bandiera, difendi il vip, re della collina e tutte quelle modalità che magari vi è capitato di giocare su giochi di simulazione per consolle o PC; in generale le regole del match sono stabilite prima ma di queste parleremo in un topic apposta. L’unica regola che è sempre valida è che quando si è colpiti da un pallino ci si deve considerare morti o colpiti.

Ricordo inoltre che anche se il pallino colpisce una qualsiasi parte d’equipaggiamento o l’arma stessa, per fugare tutti i dubbi, si è soliti dichiararsi ugualmente. In questo modo e seguendo queste regole basilari si limiteranno gli screzi tra giocatori a beneficio di tutta la squadra e non.
D’altro canto chi spara molto spesso è convinto di aver preso il bersaglio che però, ahimè, non si dichiara. In questo caso sconsiglio di creare polemiche durante il gioco, se ne può parlare benissimo dopo! E se si parte dal presupposto che l’onestà vige sovrana, forse l’obiettivo non è stato davvero colpito; ricordo che i pallini devono colpire direttamente l’avversario, non valgono perciò colpi di rimbalzo.

Un discorso a parte meritano i colpi singoli, solitamente sparati da giocatori che hanno ruolo di sniper (cecchino) e che spesso non sono visibili immediatamente. Un pallino sparato da un fucile elettrico è identificabile anche dal rumore che lo stesso fucile produrrà, quindi raramente vale la scusa “non l’ho sentito…” ; mentre un pallino singolo sparato da un fucile a molla potrebbe non essere udibile quando viene sparato. In questo caso come fare? Non c’è, anche qui, una vera e propria regola ma è lasciato tutto alla buona fede dei singoli giocatori.

Appena si è colpiti bisogna renderlo palese a tutti dicendo appunto “Colpito” o “Morto” o ancora “Preso” e immediatamente alzare le mani verso l’alto spostandosi dalla zona di ingaggio. Ricordiamoci che i morti non parlano e quindi non si può parlare, ne via radio ne di persona, ai propri compagni o ad altri. Bisogna raggiungere il prima possibile un punto isolato (o il punto di partenza/raccolta, in base alle regole del match) e attendere eventuali disposizioni. E’ consigliabile prima della partita munirsi di un classico giubbetto catarifrangente (quello automobilistico è perfetto) in modo da poterlo indossare mentre si è fuori dal gioco così da non interferire nei combattimenti ancora in corso. Si può tenere un giubbetto simile in una tasca dei pantaloni o del tattico e indossarlo una volta che si è stati presi dai pallini avversari, mentre ci si dirige al punto di rinascita o di raccolta.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...