Home

dall'alto: 2 fucili d'assalto, un fucile di precisione, una pistole, una mitragliatrice leggera e un fucile da incursione

Nella scelta di un fucile da softai, come nella realtà, possiamo avere una varietà di replica di veri fucili o pistole praticamente vastissima.

Sicuramente per iniziare è comodo utilizzare un ASG di dimensioni ridotte a beneficio del peso. Molti infatti si accaniscono su corpi in metallo o repliche costose che sebbene durino molto di più possono essere di impaccio almeno ai primi combat o se si gioca per molte ore.
Ora elencherò le tipologie principali di arma e le sue caratteristiche base; come al solito è solo una piccola guida per far conoscere ai neofiti un po’ di più il panorama degli ASG.

Pistole

Di solito funzionano a gas o anidride carbonica: nel primo caso il serbatoio è all’interno del caricatore e permette di sparare circa 30/40 colpi ogni ricarica. L’anidride carbonica invece è fornita in contenitori usa e getta da inserire all’interno dell’arma. Alcune tipologie le possiamo trovare elettriche (e quindi il funzionamento è simile in tutto e per tutto ai fucili).

Cartucce di anidride carbonica (CO2)

Inoltre vi sono pistole con colpo singolo e raffica ed altre esclusivamente a colpo singolo: di solito quelle con la raffica sono elettriche e sono dotate di caricatori anche da 100 colpi. Generalmente invece i caricatori sono da 15/20/30 bb. Vi sopo poi dei modelli “scarrellanti” che simulano il caricamento come le pistole vere.

Pistola con caricatore maggiorato

Comode, e leggere possono essere delle armi di riserva interessanti, anche se sono quasi più sceniche che altro. La potenza deve essere come al solito inferiore al joule, quindi in teoria hanno una  gittata simile ai fucili se non fosse che sono più imprecise a causa della canna ovviamente corta. Di solito vengono tenute in fondine legate alla coscia per non limitare i movimenti, oppure attraverso fondine ascellari vengono appese sotto le braccia.
Nel gioco urbano possono essere più efficaci dei fucili ingombranti, poichè la gittata dei pallini necessaria a colpire spesso è minore rispetto al bosco. Ecco perchè non è difficile trovare giocatori che in combattimenti urbani utilizzano due pistole. Il punto debole è la ricarica di pallini che deve essere fatta con maggior frequenza. I prezzi si aggirano da 40/50 euro (per quelle a CO2) in su.

Pistole mitragliatrici

Un Uzi con calcio reclinabile

Utili nei combattimenti urbani, alcuni modelli delle marche più rinomate perfino usati in combat boschivi. La raffica di cui sono dotati non è per nulla inferiore a quella di un fucile più grande. In commercio ne esistono vari modelli dei quali il più evocativo è sicuramente l’Uzi, famoso in tutto il mondo: un mitragliatore con delle dimensioni da pistola. Alcuni sono dotati di calcio reclinabile, comodo se si fa appostamento e utile da reclinare nel caso si debba correre o muovere velocemente.

Fucili d’assalto

Il modello che va per la maggiore tra i giocatori di softair. Serie Colt, AK, MP, tonnellate di sigle per intenditori e non, indicano semplicemente il modello che la replica segue. In questo caso dovete scegliere secondo i vostri gusti personali, considerando che oltre al fucile successivamente vorrete comprare delle parti per integrarlo (come mirini, lanciagranate, etc.): sono questi infatti i modelli che si prestano di più alle modifiche. Controllate quindi eventuali marche di accessori se montano sul modello di fucile che vi state comprando! Generalmente le case di produzione ne danno le specifiche, altrimenti chiedete o fate ricerche su internet, è importantissimo per evitare delusioni. I fucili in uso nel softair sono dotati di motorino elettrico e hanno praticamente tutti il selettore colpo singolo/raffica. Utili in attacco, in difesa, da appostamento, possono essere tramutati in mitragliatrici con l’aggiunta di caricatori maggiorati elettrici o in fucili da sniper, almeno esteticamente, con silenziatore, bipiede e ottica.

Mitragliatrici leggere

Nascono per macinare un gran quantità di pallini e sono dotate sovente di caricatore maggiorato elettrico (fino anche a 4000 colpi) nella confezione. Il bipiede è d’obbligo, pesano molto: spostarle comporta non pochi impacci, utilissime in postazioni semi-fisse o in difesa. Una collinetta difesa da una di queste armi risulta assai difficile da conquistare. Dedicate ai moderni Rambo che consumano una confezione di pallini a combat. Se la vostra vocazione è coprire o difendere i compagni, questa è l’arma adatta a voi!

Fucile da cecchino

Il grande e vero dilemma del softair: il fucile da cecchino è utile? In molti vi diranno assolutamente no, visto che colpisce dalla stessa distanza di altre ASG (anche questo, sempre sotto il Joule come da legge). Tuttavia il caricare i pallini uno ad uno (esatto, solo monocolpo per i fucili più facili da reperire) ha il suo fascino, senza contare del ruolo che ricopre lo sniper all’interno delle varie missioni. Rimanendo sulla capacità di fuoco tuttavia, ebbene, sono fucili che costano meno degli altri (per via della mancanza di parti elettriche) ma di difficile utilizzo nei combat. Il fatto che voi spariate un pallino ogni 5 secondi mentre un avversario ne può sparare quasi 30 è un bel divario! E’ sconsigliato l’acquisto di questi fucili a molla (raramente a gas) da caricare manualmente come primo approccio. Meglio ripiegare su qualcosa di più versatile e sfruttabile. Il fatto che questi fucili hanno la canna lunga permette maggior precisione; attenzione però, spesso vengono venduti senza ottica, necessaria sia esteticamente che funzionalmente per mirare. Parleremo delle ottiche più avanti. Un buon fucile da cecchino tuttavia è possibile comporlo con il tempo, cambiando man mano parti come la canna o il pistone, in modo da garantire una direzioni di tiro sempre più precisa. Attenzione! Le misure spesso generose di quest’arma possono impacciare nei movimenti: talvolta si arriva anche al metro e trenta di lunghezza. Esistono ovviamente delle versioni elettriche che costano di più: per il ruolo da cecchino sono forse un po’ rumorose, ma sicuramente possono essere utilizzate con maggior efficacia in difesa. I fucili a caricamento manuale, invece, riescono a mantenere il rumore al minimo, cosa utile se non si vuole far scoprire la propria posizione. Lo svantaggio è che spesso un singolo pallino non viene percepito dall’avversario.

In sintesi, ricordatevi che le vigenti norme non consentono di avere molle superiori al joule di potenza. DI conseguenza i pallini avranno una gittata di circa 30 metri, 25 utile con qualsiasi fucile: ciò che cambia può essere quindi la ratio (quantità di pallini sparati e intervallo tra uno e l’altro) o la tendenza dei colpi a “sbandare” a destra o sinistra (in base al modello, costo, marca del fucile), difetti che possono essere corretti mettendo mano alla meccanica dell’ASG.
Quindi anche in questo caso, scegliete il fucile in base ai vostri gusti personali, prediligendo magari i modelli compatti se siete alle prime armi o faticate a portare pesi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...