Home

Per chi si avvicina alla nobile arte dello sniper essenziale è possedere un ottica da montare sopra il proprio fucile. Se infatti si può soprassedere al fatto di avere o no un fucile concepito “per sniper” (e quindi magari colpo singolo a carica manuale) ed utilizzare il proprio fucile d’assalto con magari l’aggiunta di un bipiede, lo stesso discorso non vale per il sistema di puntamento. I vari reddot o laser non servono. Se siete nostalgici potete sfruttare i collimatori ottici, se presenti, del vostro ASG, altrimenti dovrete ripiegare su un “cannocchiale” da montare sopra il vostro fucile: l’ottica.
Come spesso abbiamo detto, in commercio ne esistono di varie tipologia, marche è prezzi. Come muoversi in questo mare? Ancora una volta una delle prime regole è l’estetica anche se questa volta passa in secondo piano rispetto all’ingrandimento che ci viene fornito. Nelle descrizioni delle ottiche troverete spesso due o tre numeri, cosa sono?

 

Ottica 3-9x32

Esempio: 3-9×32
Il 3 e il 9 stanno per gli ingrandimenti possibili. In questo caso lo zoom della nostra ottica andrà da un ingrandimento minimo di 3x (quindi un oggetto posto a tre metri lo vedremo come se fosse a uno e via dicendo) fino ad un ingrandimento massimo di 9x. Questa tipologia di ottiche spesso ha una ghiera che ruotata cambia la messa a fuoco e lo zoom. Il 32 invece indica (in mm) la dimensione della lente davanti. Più è alto questo numero e più avremo luminosità.

Ottica fissa 4x32

Esempio: 4×28
Quest’ottica ha un ingrandimento fisso di 4x. Non può essere quindi modificato. Il 28 indica che l’ottica è abbastanza piccola, compatta.

Peso
Il peso è importante per avere tra le mani un attrezzo che non si rompe alla prima grattata contro un albero o alla prima strisciata per terra. Teniamo conto che delle ottiche medio-lunghe il peso si aggira anche attorno al mezzo kg.

Lunghezza
Svariate misure e forme, come detto prima. Non influiscono sull’utilizzo, tranne forse che ottiche più lunghe spesso soffrono di parallasse, cioè bisogna “centrare” la lente dentro la quale si guarda con quella in uscita. Questa operazione va fatta sul campo, a ottica montata, regolando la posizione dei propri occhi e della propria testa.

Attacchi
In base all’ASG che avete dovrete controllare se munito di slitte nella parte alta, sopra al corpo. Spessimo, ad esempio, tutte le serie Colt hanno la slitta mentre la serie AK no. Controllate prima e nel caso aggiungetele! Controllate sempre la compatibilità con il vostro ASG e nel caso di dubbi, chiedete al rivenditore o meglio ancora, portategli il vostro fucile se si tratta di un negozio non on-line.

Manutenzione
Mai aprire l’ottica! Tenetela pulita con panni morbidi e soffiate via la polvere al termine del combat ma se vi finisce in acqua o altri incidenti antipatici, scordatevi di aprirla. L’interno infatti spesso è trattato con gas che evitano all’ottica stessa di appannarsi e quindi se andate a modificare l’ambiente sigillato, potreste ritrovarvi brutte sorprese. La cosa migliore da fare è aspettare che l’ottica si asciughi; in alternativa, portatela in negozi specializzati dove potranno darvi una mano. Meglio pagare 10 euro a un buon ottico che spenderne di nuovo 60 per l’acquisto di una nuova!

Considerazioni
L’ingrandimento migliore per il softair è dal 3 al 4x. Un ingrandimento maggiore concede solo la possibilità di spiare meglio il territorio e va usato come strumento di avvistamento. Infatti il pallino non raggiungerà mai l’obiettivo se la vostra ottica è settata a 9x! Ricordatevene, perchè se volete controllare tutto il percorso del pallino e vedere se è andato a segno, dovete tenere l’ottica settata su bassi ingrandimenti. A questo proposito, ottiche fisse di 4x non sono per nulla da disdegnare, per chi vuole avvicinarsi a questo ruolo senza dover spendere un capitale.

Ottica con zoom 3-9x50

In commercio vi sono inoltre ottiche più raffinate che riportano la dicitura IR affiancata ai numeri base: questa dicitura significa che il reticolo interno può essere illuminato (di solito viene specificato se di un colore o due). Utile in alcune situazioni di penombra dove il nero si mischia alla vegetazione; non lasciatevi spaventare, per iniziare si può anche fare a meno di questa particolarità. Senza contare che se il vostro acquisto, ad esempio di un 4×32, vi fa scoprire che lo sniper non fa per voi, potete sempre riutilizzare l’ottica compatta per il vostro ASG d’assalto.
Ogni ottica ha un reticolo di mira (il mirino, appunto) che varia a seconda del modello e della replica. Ad ognuno il suo! In base al vostro gusto potete scegliere quale più vi aggrada, anche se all’inizio sono tutti pressochè uguali  nel softair. Eventuali tacche di alzata o correzione laterale, infatti, sono totalmente utili nel nostro sport, se non come punti di riferimento sommari.

Tipologie base di reticolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...